BAGNO DI ROMAGNA. Avvio del progetto di fidelizzazione commerciale locale “La Vantaggiosa”

 

Il Comune di Bagno di Romagna ha lanciato ufficialmente “La Vantaggiosa”, il progetto di fidelizzazione
commerciale locale messo a punto in questi mesi con la collaborazione delle Associazioni di categoria e con
l’ausilio dei due partner progettuali, il Credito Cooperativo Romagnolo e l’azienda Shopping Plus® di Cesena.
Durante la conferenza stampa erano presenti, oltre al sindaco Marco Baccini e agli assessori Claudia Mazzoli e
Francesco Ricci, il Responsabile Marketing del Credito Cooperativo Romagnolo Cesare Bizzocchi e il
Responsabile Marketing di Shopping Plus ® di Cesena Fabrizio Boschetti. A seguire, il progetto è stato
presentato ad alcune categorie di imprenditori locali (alberghi, terme, agriturismi, ristoranti; parrucchieri, istituti di bellezza, artigiani), mentre giovedì 15 ottobre a Teatro Garibaldi alle ore 16 la presentazione sarà rivolta a tutti gli altri esercenti.

“Cittadini e esercizi pubblici del Comune di Bagno di Romagna sono chiamati ad unirsi in un progetto di
fidelizzazione commerciale per sostenere il tessuto economico locale – spiega il Sindaco Marco Baccini. – E’ un
progetto che abbiamo avviato durante la fase più acuta del lockdown, quando abbiamo deciso di voler adottare
un’azione di sviluppo e sostegno del settore economico locale, che andasse oltre alle misure di sgravi e rinvii
adottate in quel momento.”

E’ nata così l’idea progettuale di creare un sistema di fidelizzazione tra operatori economici e cittadini del
Comune di Bagno di Romagna, che si basa essenzialmente sulla responsabilità sociale degli uni e degli altri nel
rafforzare il sistema degli scambi commerciali a livello locale, partendo dalla consapevolezza che uno sforzo
collettivo nel concentrare gli acuisti a livello locale si traduce in una maggiore resistenza degli esercizi
commerciali a mantenersi in vita, ciò che permette di rafforzare e stimolare posti di lavoro, di rafforzare il
presidio del territorio, con una migliore e più stabile qualità di vita da parte di tutti.

In pratica – descrive il Sindaco – La Vantaggiosa rappresenta prima che un sistema circolare di vendite/acquisti, un rapporto virtuoso di responsabilità sociale che unisce cittadini e ed operatori economici del Comune per sostenere la vita locale. Il progetto, in concreto, si fonda su un meccanismo per il quale il cliente riceve uno sconto sugli acquisti di prodotti o servizi in forma di punti corrispondenti ad un credito in denaro che può spendere immediatamente per effettuare altri acquisti nelle medesime attività locali aderenti al circuito, così da sollecitare gli scambi commerciali a livello comunale quale stimolo diversivo al commercio elettronico o fuori comune. Oltre al meccanismo degli acquisti, La Vantaggiosa può anche risultare un’opportunità per le politiche di welfare aziendale, generando anche in questo settore meccanismi virtuosi a livello locale.

Si tratta di un meccanismo di facilissima applicazione, regolato tramite una App ed una Card collegati ad un
software, appoggiati su un conto corrente dedicato e comunale, che permette di avere la gestione costante e
trasparente dei flussi e pertanto anche dei crediti. Crediamo fortemente sulle potenzialità di questo progetto a tal punto che abbiamo deciso – dichiara Marco Baccini – di finanziare interamente il progetto, che pertanto sarà gratuito per le attività commerciali aderenti fino al 31.12.2021.

Certamente, La Vantaggiosa rappresenta un’opportunità che l’Amministrazione mette a disposizione del sistema sociale locale, che deve essere colta attivamente dai cittadini e dagli imprenditori per esprimere le proprie potenzialità. Riteniamo sia un’azione pubblico/privata per sostenere l’imprenditoria locale degli esercizi commerciali, delle attività artigianali, delle attività ricettive, nonché di tutte le attività legate al settore
termale/turistico e all’imprenditoria agricola, nella consapevolezza che proprio in questo momento occorre
mettere in pratica azioni coraggiose ed innovative per sostenere il tessuto socio-economico della nostra
Comunità, quale presidio fondamentale e irrinunciabile per mantenere vivi i nostri borghi montani e per
contrastare lo spopolamento sociale e produttivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *