CESENA. Estate 2020, l’Assessore alla Cultura Carlo Verona traccia un resoconto della stagione “Partecipazione oltre ogni aspettativa e nonostante le criticità dovute all’emergenza sanitaria”

 

È tempo di bilanci per il Comune di Cesena che a conclusione della stagione estiva traccia un resoconto di tutti gli eventi che hanno animato la città nonostante le difficoltà dovute all’attuale contesto emergenziale. Dalla musica classica al teatro, dal centro storico ai parchi cittadini, il ricco calendario di iniziative estive, tra novità e appuntamenti tradizionali che di anno in anno vengono riproposti ottenendo sempre grande successo, ha registrato numeri inaspettati.

“Nel mese di aprile – commenta l’Assessore alla Cultura Carlo Verona – eravamo quasi del tutto certi che l’estate sarebbe trascorsa sottovoce, senza troppo clamore, a causa dell’emergenza sanitaria in corso. Da subito, confrontandoci con le realtà culturali e le associazioni del territorio, abbiamo riorganizzato ogni singolo evento con il desiderio di riaccendere i riflettori sul cartellone di eventi riadattandolo alle normative anti-Covid19 e tutelando la sicurezza di tutti. In questo modo abbiamo individuato i luoghi più favorevoli: l’arena estiva di Palazzo Guidi, il chiostro di San Francesco, gli spazi esterni della Rocca Malatestiana, sferisterio compreso, e l’immenso parco di Villa Silvia-Carducci sulle colline di Lizzano.  I nostri parchi e tutti gli spazi all’aperto ci hanno garantito di organizzare eventi in totale sicurezza”.

Oltre 30 gli eventi realizzati, circa 20 le realtà coinvolte, più di 12 mila le presenze. “Certamente – prosegue l’Assessore Verona – non possiamo basarci unicamente sul dato delle presenze dal momento che i posti a disposizione per ciascun evento sono stati dimezzati al fine di osservare il distanziamento sociale tra una persona e l’altra. Nonostante questo, cesenati e visitatori hanno risposto positivamente dimostrando gratitudine a tutti coloro che si sono messi in gioco. È questo il caso delle due serate al Chiostro di San Francesco della Toscanini Next, o della rassegna ‘Storie della città scorpione’ a cura di Mikrà e di Roberto Mercadini che ha registrato sold out per tutte le serate di spettacolo, presentato nella forma di teatro di narrazione. Significativo il successo ottenuto dagli Amici della Musica nel corso delle 10 serate programmate al Chiostro e dai due appuntamenti Jazz che ci hanno rivelato la particolare predilezione dei cesenati per questo genere musicale. Apprezzato e molto seguito l’innovativo Festival FUME dedicato al teatro e alle arti contemporanee con ospiti 15 giovani artisti e alcune compagnie della scena nazionale, con la direzione artistica dell’attore e regista Michele Di Giacomo di Alchemico Tre. La ripartenza – precisa Verona – è stata possibile grazie all’impegno delle realtà e delle associazioni che hanno proposto iniziative originali, dell’Amministrazione comunale e della Regione che ci ha fornito le Linee guida”.

 L’estate inoltre è stata arricchita dagli eventi culturali organizzati dalla Fondazione ERT e dall’Associazione AMMI-Musica Meccanica Italiana e da Borgo Sonoro 2020 nel parco di Villa Silvia-Carducci. Tante le riconferme: la rassegna La bellezza delle parole, We Reading, il Premio Bancarella 2020, gli appuntamenti del Teatro delle Lune, degli Amici della Musica, di Acieloaperto, del MalatestaShort Film Festival, della Societas Raffaello Sanzio, di Rocca in concerto e di Musica sotto le stelle sempre alla Rocca Malatestiana.

Si è invece conclusa con 3153 presenze la rassegna estiva organizzata da Start Cinema presso l’Arena estiva del cinema San Biagio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *