CESENA. Maggiore sicurezza e disposizioni anti-COVID19, una nuova scala antincendio per la Scuola secondaria di primo grado “Anna Frank”

Una nuova scala antincendio per migliorare le condizioni di sicurezza del plesso scolastico ma anche
per offrire nuove soluzioni di ingresso e uscita agli studenti che a settembre torneranno a seguire in
presenza le lezioni. L’intervento, dell’ammontare di 90 mila euro finanziati dal Ministero dell’Interno
(su un totale di 170 mila euro), interesserà la Scuola secondaria di primo grado “Anna Frank”, a
Sant’Egidio, dove verranno inoltre trasferiti gli alunni e il personale della Scuola elementare di
Martorano, sottoposta a lavori di ristrutturazione (per un importo di 1 milione e 214 mila euro).
“Si tratta – commenta l’Assessore ai Lavori pubblici Christian Castorri – di un intervento richiesto dai
Vigili del Fuoco che si inserisce nel corposo piano di lavori programmati per migliorare gli edifici
scolastici della nostra città da un punto di vista energetico e, soprattutto, sul fronte antisismico.
Procedendo in questa direzione, e a completamento di alcuni lavori nello stesso plesso, tra cui
l’installazione di un impianto di diffusione sonora per l’evacuazione, è risultata urgente la realizzazione
di una terza scala di sicurezza sul lato dell’edificio che al momento è sprovvisto di un’uscita diretta.
L’intervento è da ritenersi necessario anche in considerazione del fatto che a settembre oltre 100
studenti della Scuola elementare di Martorano saranno trasferiti all’‘Anna Frank’ occupando sei aule.
Inoltre – prosegue l’Assessore – una nuova scala ci consentirà di organizzare al meglio le entrate e le
uscite degli studenti e del personale che, con la ripresa delle lezioni in presenza a settembre, potranno
contare su ingressi scaglionati evitando ogni forma di assembramento”.
La realizzazione della scala, che servirà tre dei quattro piani, comporta ulteriori opere complementari e
necessarie quali la demolizione della scala esistente di accesso all’Aula magna, la demolizione di
muratura, la realizzazione di nuovi infissi e la modifica dell’area esterna della scuola.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.