CESENA. Regione Emilia-Romagna insieme al Settore Giovanile e Scolastico Figc e al Crer Lnd per i piccoli ricoverati del Bufalini

 

Regione Emilia Romagna, Settore Giovanile e Scolastico Figc e Crer Lnd si sono dati appuntamento questa mattina presso i reparti di pediatria di alcuni ospedali regionali. Alle 9 la delegazione si è recata in visita all’ospedale Bufalini di Cesena. “Vi porto il ringraziamento del Presidente Bonaccini – ha detto Giammaria Manghi, capo della Segreteria Politica della Presidenza della Regione Emilia-Romagna – legato da sempre alla sanità regionale, per lo sforzo che state portando avanti in questa stagione di emergenza. Si tratta di un’iniziativa che ha il compito di fare incontrare Figc, Regione e reparto pediatria. Un’iniziativa che si inserisce all’interno del progetto della carta etica dello sport: tra i valori che lo sport può veicolare ci sono anche quelli di attenzione e solidarietà nei confronti degli altri. Grazie anche al Cesena Calcio, la dimensione del calcio professionistico diventa decisiva in questa testimonianza”.

Massimiliano Rizzello, Coordinatore Regionale Settore Giovanile e Scolastico Figc, ha inoltre aggiunto: “Ringrazio l’ospedale, i sanitari, il Direttore e il Sindaco. E anche la Regione: Giammaria Manghi è da sempre molto sensibile a queste tematiche; è un’iniziativa iniziata lo scorso anno, un modo per fare squadra. Grazie anche al Cesena Calcio, attento a questa iniziativa che portiamo avanti come Federazione. Vogliamo regalare un sorriso a questi bambini, cercando con lo sport e con il calcio in particolare di allietare queste festività. Grazie per quello che fate”. Ricevuto il saluto anche di Simone Alberici, Presidente Crer Lnd, il sindaco di Cesena Enzo Lattuca ha dichiarato: “Grazie alla FIGC e alla Regione che ha portato avanti questa iniziativa insieme al Cesena Calcio.  Questo reparto è al centro delle nostre attenzioni: sappiamo della delicatezza delle operazioni fatte qui. Ci fa piacere portare un sorriso ai bambini sotto Natale: la pediatria riesce ad attrarre vicinanza, la sofferenza dei bambini tocca tutti. So che da qui ad Epifania ci saranno altre occasioni per mostrare questa vicinanza: ognuna di queste iniziative è importante e gradita da tutti. Saranno contenti anche i genitori dei bambini più piccoli, che tra qualche anno guarderanno a magliette e palloni con maggiore gioia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *