CESENA. SICUREZZA. RISSE TRA BANDE IN ZONA STAZIONE, LEGA: FALLIMENTO GIUNTA LATTUCA, SERVE CAMBIO DI PASSO

13 dicembre. “Neppure le due denunce alle Autorità sono servite. Come testimoniato in un video postato domenica 12 dicembre sui social le risse tra bande proseguono indisturbate nell’area dove sono ubicati il condominio ‘Bovio Malatesta’, diversi istituti scolastici, la facoltà di psicologia, bar e il vicolo Gasometro. Nel video è immortalato l’ennesimo scontro fra giovani stranieri che ha destato preoccupazione e sconforto. I passaggi quotidiani di Polizia e Carabinieri, organizzati dopo le due denunce formali presentate dai residenti, non hanno evidentemente scoraggiato i facinorosi che appena vedono i mezzi delle Forze dell’ordine si danno alla fuga per ritornare subito dopo negli stessi luoghi”.
Così in una nota i consiglieri del Gruppo Lega (Antonella Celletti, Fabio Biguzzi, Enrico Sirotti Gaudenzi, Beatrice Baratelli).
“Sul tema abbiamo presentato un’interpellanza in giugno ottenendo la solita risposta parziale e insufficiente. Eppure si tratta di una situazione di estrema urgenza sotto il profilo della sicurezza urbana che testimonia il fallimento completo delle iniziative della Giunta Lattuca, vedi il progetto ‘Un’altra stazione’. Purtroppo anche durante il recente consiglio comunale aperto sulla sicurezza sono emersi tutti i limiti ideologici del PD, che su sicurezza e immigrazione mostra tutta la sua debolezza, incapace di misurarsi con la realtà. Di qui le ragioni per cui a Cesena la situazione sta rapidamente degenerando. Due fra gli ultimi ‘casi’: l’11 dicembre, la signora scippata nel parcheggio tra il Cubo scolastico e la stazione dei bus, solo per rimanere in zona, e la richiesta, pubblicata sulla stampa locale il 6 dicembre, di chiudere il giardino di Serravalle di sera per spaccio, bivacchi e degrado. E siamo in pieno centro urbano. La soluzione, tuttavia, non è chiudere ma controllare meglio, prevenire e sanzionare. Torneremo a interrogare la Giunta sollecitando un piano sicurezza adeguato, visto anche l’aumento di organico della Polizia municipale, ma conosciamo già la risposta. Si rimanderà a progetti futuribili (nuova sede CesenaLab e Centro impiego) che non risolvono il problema e sono di là da venire. Ci si trincererà dietro una supposta mancanza di competenze e si tornerà alla soluzione ‘educatori di strada’ ovvero il pannicello caldo per curare un virus mortale”.

https://www.facebook.com/1088891962/videos/667571014608622/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *