Cesena. “Teresa Papavero e lo scheletro nell’intercapedine” arrivano a cesena con freschi di stampa

Non sogna il principe azzurro, ha un ottimo rapporto con suo padre e la vita sentimentale le interessa poco o niente. Teresa Papavero, la psicologa criminale più acuta e imbranata di sempre protagonista del nuovo libro di Chiara Moscardelli, tra pochi giorni si presenterà alla platea di lettori cesenati. La nuova avvincente indagine della Papavero approda infatti a Cesena con la rassegna letteraria “Freschi di stampa” che torna in streaming sabato 14 novembre alle 18 sulla pagina Facebook della Biblioteca Malatestiana. Con l’autrice dialogherà Filippo Reina.

 

“Teresa Papavero e lo scheletro nell’intercapedine” (Giunti, 2020), narra le vicende della psicologa criminale Teresa che, da quando ha risolto ben due casi di scomparsa ed è ospite fissa del programma tv Dove sei?, ha donato nuova vita al suo borghetto di Strangolagalli. Un flusso costante di turisti ha messo a dura prova la capacità alberghiera del paese: semplicemente insufficiente. Per questo sta per inaugurare Le Combattenti, il nuovo grande Bed & Breakfast delle amiche Teresa Papavero e Luigia Capperi. L’insegna è pronta, le pareti sono dipinte di un bel rosa con tanto di fenicotteri dorati e Teresa, dopo essersi improvvisata imbianchina e decoratrice d’interni, si appresta a buttare giù l’ultimo muro quando intravede qualcosa: nell’intercapedine ci sono delle ossa, ossa umane. Chi vuoi che vada a Strangolagalli a nascondere uno scheletro? Teresa è pronta a scoprirlo e si affianca subito, e molto da vicino, al medico legale che si occupa del caso, tale Maurizio Tancredi. Ma se Tancredi non nasconde una certa simpatia nei suoi confronti, che fine ha fatto Leonardo Serra, il bel poliziotto che l’ha sedotta e abbandonata? E se si tratta di un cold case, chi è che la sta seguendo?

 

Chiara Moscardelli è romana, vive a Milano. Volevo essere una gatta morta, suo romanzo d’esordio (ripubblicato da Giunti nel 2016), ha avuto un grande successo di pubblico e di critica, diventando in breve un libro di culto. Per Giunti sono usciti: Quando meno te lo aspetti (2015), Volevo solo andare a letto presto (2016) e Teresa Papavero e la maledizione di Strangolagalli (2018), primo romanzo della trilogia giallo-comica di cui Teresa Papavero e lo scheletro nell’intercapedine è il seguito.

 

Filippo Reina, dopo la laurea in Lettere a Bologna inizia l’attività di insegnamento nelle scuole superiori. Collabora da anni con Rapsodia Festival, organizzazione itinerante di incontri con i maggiori scrittori italiani, e cura rassegne letterarie per alcune biblioteche della Romagna. Scrive di cinema e letteratura per varie riviste.

 

Tutti gli incontri sono organizzati in collaborazione con librerie di Cesena.

 

 

 

Cesena, 12 novembre 2020

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *