Cesena. Tiene aperta la palestra per protesta ma la Polizia di Stato gli fa subito visita

In alcuni momenti è doveroso disobbedire pur andando incontro a conseguenze non semplici da affrontare. E’ il pensiero di Fabrizio Borghetti, il titolare di Alfazone Lab di via Lama che ha aperto la sua palestra nonostante il divieto. Puntuali sono arrivati gli agenti della Polizia di Stato che hanno disposto la chiusura immediata e elevato una sanzione ancora da quantificare che andrà da un minimo di 300 a un massimo di 3mila euro. Un gesto il suo dettato da una profonda convinzione che gli è costato però anche minacce di morte per sè e per la sua famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *