Covid: dopo cena protesta sit-in a Pesaro,”lavoro non bonus”

(ANSA) – ANCONA, 02 NOV – “Libertà”, “Non siamo untori” e
anche frasi contro il sindaco Matteo Ricci che aveva definito
una “pagliacciata” la cena di protesta contro il mini-lockdown
organizzata la sera del 26 ottobre con 90 persone dal
ristoratore Umberto Carriera, durante la quale era scattato un
blitz della polizia. Le scritte campeggiavano nei cartelli
esposti nella manifestazione promossa a Pesaro in Piazza del
Popolo da Carriera sanzionato, anche con la chiusura di 15
giorni del ristorante “La Macelleria”. In piazza un centinaio di
persone, in mascherina. Dall’iniziativa di Carriera si sono
smarcati commercianti ed esercenti aderenti a Confcommercio in
piazza il 7 novembre.
    La chiusura di ristoranti e altre attività alle 18, ha detto
Carriera al megafono, “è ingiusta e insopportabile, va contro le
libertà individuali e d’impresa”. “Mi sento controllato peggio
di un criminale – ha lamentato – mentre c’è gente in giro che
spaccia e delinque. Chiedo a nome di tanti di avere il diritto
di lavorare e non di avere bonus, di tenere aperto, non chiuso”.
    (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte