Dal jogging alla passeggiata con il cane. Ecco come muoversi (con autocertificazione)

Da oggi scattano le restrizioni previste dal nuovo dpcm: ecco cosa si potrà fare e cosa resta vietato.

Bar e ristoranti

Nelle zone gialle, bar, ristoranti, gelaterie e pasticcerie restano aperti fino alle 18, l’asporto sarà possibile fino alle 22, e la consegna a domicilio senza limiti di orario. Chiusi tutti invece nelle zone arancioni e rosse, ad eccezione delle attività che fanno consegne a domicilio, sempre consentite.

Negozi e centri commerciali

Nelle zone gialle e arancioni i centri commerciali rimangono chiusi nei giorni prefestivi e festivi tranne che farmacie e parafarmacie, negozi di alimentari, tabaccherie ed edicole. Nelle zone rosse sono chiusi anche i negozi al dettaglio, ad eccezione di quelli di prima necessità. Aperti anche parrucchieri e barbieri. Chiusi i centri estetici.

Spostamenti regioni e tra comuni

Nelle zone gialle ci si può muovere liberamente ma c’è la raccomandazione di non spostarsi se non per motivi di lavoro, salute, studio e necessità. È appunto una raccomandazione, non c’è bisogno di avere con sé l’autocertificazione. Necessaria invece nelle zone arancioni dove sono vietati gli spostamenti in entrata e in uscita da una regione all’altra o da un comune all’altro. Qui ci si può muovere solo per comprovate esigenze, motivi di lavoro, studio, salute o necessità, da giustificare con il modulo dell’autocertificazione. Nelle zone rosse è vietato ogni spostamento anche all’interno del comune tranne che per motivi di lavoro, necessità e salute, e per gli spostamenti necessari a garantire «la didattica in presenza», cioè accompagnare i figli a scuola. Necessaria in questo caso l’autocertificazione. Sono vietati gli spostamenti da una regione all’altra e da un comune all’altro.

Autocertificazione

Il modulo è unico ed già scaricabile dal sito del ministero dell’Interno. È sempre necessario – se non lo si ha con sé verrà fornito dalle forze dell’ordine – per giustificare gli spostamenti che non sono concessi se non per comprovate esigenze: si dovrà indicare il luogo di partenza e quello di arrivo, ma non la persona da cui ci si reca.

Parrucchieri

I parrucchieri restano aperti nelle zone rosse, ma per andare nei negozi è necessaria l’autocertificazione.

Trasferte e lavoro

Si può uscire per andare in ufficio e in trasferta anche nelle zone rosse. Necessario indicare l’azienda e il motivo dello spostamento. Anche i liberi professionisti devono specificarlo.

Coprifuoco

Su tutto il territorio nazionale è vietato uscire dalle 22 alle 5 del mattino, tranne che per comprovate esigenze, cioè motivi di lavoro, necessità e salute e sempre muniti di autocertificazione.

Scuole

Nelle zone gialle e arancioni scatta la didattica a distanza per le scuole superiori, mentre in quelle rosse dalla seconda media. In quelle rosse restano in presenza le scuole per l’infanzia, elementari e prima media.

Jogging e attività sportiva

Nelle zone rosse sono sospese tutte le competizioni sportive tranne quelle di interesse nazionale definite dal Coni. L’attività motoria è consentita solo nei pressi della propria abitazione e l’attività sportiva esclusivamente all’aperto e in forma individuale sempre nei pressi della propria abitazione.

Passeggiata col cane

Nelle zone gialle o arancioni, non si può uscire tra le 22 e le 5 nemmeno con il cane. Chi si trova in zona rossa, può uscire con il cane per fare una passeggiata, classificata come «attività motoria» e dunque tra motivi per cui si può uscire.



Fonte originale: Leggi ora la fonte