L’ira di Lega e Forza Italia: ​”Stop tasse in zone rosse”

“Stop al pagamento sulle tasse“. È la richiesta avanzata a gran voce da Lega e Forza Italia, che chiedono al governo di sospendere adempimenti fiscali per i territori finiti nella zona rossa.

Il segretario della Lega Lombardia Salvini Premier ha ricordato come a febbraio il governo avesse “varato un decreto ministeriale per la sospensione degli adempimenti e i pagamenti dei tributi e delle ritenute fiscali per cittadini e imprese delle “zone rosse” dell’emergenza Coronavirus, per la semplice ragione che chi non può fare il suo lavoro non può pagare le tasse“. E ora, chiede Paolo Grimoldi, è necessario adottare lo stesso provvedimento anche per tutta la Lombardia, finita tra le zone sottoposte alle misure più strette, che prevedono un secondo lockdown. “Ora il Governo faccia subito altrettanto- ha chiesto- decretando analoga sospensione per tutta la Lombardia indicata come zona rossa per l’emergenza Covid. Come è stato fatto a febbraio va rifatto anche oggi e va fatto subito“. E suggerisce: “È facile, il ministro Gualtieri deve solo rifare il decreto di febbraio, adeguandolo a tutta la Lombardia“.

È necessario adottare un “blocco fiscale” in tutte le Regioni classsificate come zona rossa anche secondo Forza Italia che, “sta portando avanti una battaglia a livello nazionale“. Ad annunciarlo è stato Gianluca Comazzi, capogruppo regionale di FI, che ha reso nota la presentazione di una mozione in Consiglio regionale per chiedere al governo di sospendere i pagamenti delle tasse in Lombardia. “Presenterò una mozione ad hoc in Consiglio regionale, a tutela di tutte le attività lombarde che rischiano il tracollo economico- ha detto Comazzi- Migliaia di ristoratori, baristi, albergatori, commercianti hanno investito ingenti risorse per adeguare le loro attività alle norme socio sanitarie e ora si trovano di nuovo impossibilitati a lavorare“. Per questo, è necessario che il governi aiuti questi lavoratori, “con la sospensione delle tasse e l’erogazione immediata di risorse nei conti correnti dei cittadini: la nostra Regione ha affrontato questo dramma con dignità e coraggio, ora ci aspettiamo aiuti concreti“.

Anche la vicepresidente FI, Licia Ronzulli, in una nota, ha espresso la necessità di sospendere i pagamenti fiscali, criticando le mancate azioni del governo: “Zone rosse, coprifuoco, attività costrette a lavorare a regime minimo e a chiudere in anticipo che rischiano di fallire, aiuti che non arrivano e il governo continua a respingere al mittente la proposta di Forza Italia di un anno fiscale bianco“. E ricorda i lavoratori che hanno chiuso le proprio attività a seguito del lockdown e quelli che hanno “il coraggio di alzare la saracinesca la mattina pur arrivando con la cassa vuota la sera“. Poi attacca: “La maggioranza non può ragionare come se tutti gli italiani stessero sul divano ad attendere l’assegno del reddito di cittadinanza. Il Paese reale è un altro e al momento è fermo, il governo si ravveda e ci ascolti, serve subito uno stop al pagamento selle tasse“.

Sul tema è intervenuta anche il capogruppo di FI alla Camera, Mariastella Gelmini, chiedendo al governo “impegni e fatti concreti”, perché “le imprese, i lavoratori, le famiglie, ma anche gli amministratori locali vanno rassicurati in questo momento particolarmente delicato”. E ribadisce: “Forza Italia chiede che venga proclamato immediatamente il blocco fiscale per le Regioni rosse: Lombardia, Piemonte, Calabria, Valle D’Aosta. A chi non può lavorare lo Stato non deve chiedere un euro di tasse“.



Fonte originale: Leggi ora la fonte