LONGIANO. GIORNATA CONTRO LA VIOLENZA

A LONGIANO LA GIORNATA CONTRO LA VIOLENZA

SULLE DONNE

Il 25 novembre il Castello Malatestiano si illumina di rosso

 

 

Il Comune di Longiano aderisce alla Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, istituita dall’Assemblea delle Nazioni Unite, illuminando il Castello Malatestiano di rosso il 25 novembre. Un colore simbolo di passione e di dolore, ma anche di quel sangue versato dalle troppe donne vittime di violenza. «L’iniziativa intende sensibilizzare la società, per mettere in luce un fenomeno presente nella nostra società più di quanto si immagini, fenomeno oltretutto amplificato dalla pandemia in atto», dichiara l’Assessora Marika Simonetti, «In questa battaglia di civiltà anche i simboli sono importanti per sostenere l’impegno di tutte e tutti perché non accada più». Un momento suggestivo voluto per abbattere il muro di silenzio e lanciare un messaggio forte di sensibilizzazione e riflessione, quindi.

Inoltre il Comune di Longiano partecipa al progetto “Genere e Gener-azioni”, giunto alla quarta edizione e realizzato dall’Unione Rubicone e Mare – Ufficio di piano, in collaborazione con Associazione Voce Amaranto, Centro Famiglie Asp del Rubicone, Sportello Antiviolenza Alba, e con il sostegno della Regione Emilia-Romagna, per diffondere il contrasto alla violenza e alle discriminazioni di genere. Il progetto prenderà il via giovedì 25 novembre per protrarsi fino al 2022.

Sul fronte delle attività di prevenzione, particolare rilievo avranno le azioni dedicate a ragazzi e ragazze preadolescenti e adolescenti delle scuole medie con laboratori curati dall’Asp del Rubicone, in collaborazione con Cam – Centro uomini maltrattanti di Firenze. I laboratori, oltre ai temi degli stereotipi di genere, tratteranno anche il punto di vista dell’uomo maltrattante attraverso tecniche simil-teatrali. Verranno inoltre diffuse borse della spesa con il logo e i recapiti dello sportello Alba. All’iniziativa hanno già aderito molti esercizi pubblici del territorio, ma l’idea è di arrivare alla grande distribuzione per raggiungere il più possibile il target destinatario, ovvero le donne che fanno la spesa tutti i giorni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *