Mani Pulite. La fine della grande menzogna … di Sergio Pizzolante

Le mani non erano tanto pulite.
Nessuna accusa a qualcuno di aver rubato, sia chiaro. Pecunia o cose simili. O “altre utilità”, come dicono, degli altri, i Pm, dimenticandosi delle proprie. Un appartamento, un giro in barca, una Mercedes, gite con le ragazze, alberghi di lusso, qua e là.
Sono innocenti, non l’hanno fatta franca, come diceva Davigo.
Ma sono colpevoli.
Benedetto Croce diceva che la disonestà materiale è una brutta cosa, ma la disonestà intellettuale non è cosa da meno.
Quindi sono colpevoli.
Una volta, rivolgendomi, in Aula, ai sindacalisti dei peggiori Pm, i Bonafede e company, dissi loro che se la disonestà intellettuale fosse un reato, loro sarebbero tutti in galera.
Invece, in questo Paese strano, di Mani Pulite, mi sbagliavo, sono andati al Governo.
Sono colpevoli, però.
Ormai è chiaro a molti, nonostante il messaggio disonesto, intellettualmente disonesto, della rivoluzione( falsa!) di Mani Pulite, propagata da giornali veline delle Procure, dalla Repubblica al Corriere sino al
Fatto Quotidiano
Sporco lavoro, che continuano a fare, nascondendo il libro di Palamara, che racconta il “sistema” delle correnti della magistratura, come nascosero il libro del Magistrato Tony, capo della Procura di Prato, che ad un certo punto della vita decise che non poteva tacere. E fu accolto dal silenzio della stampa. Complice del “Sistema”.
Ma adesso siamo alla finalissima, come sostiene Mattia Feltri.
Le star di Mani Pulite si denunciano fra di loro.
Greco, Davigo. De Pasquale, che nascondeva le prove a favore degli indagati, viene rimosso. Finalmente.
Borrelli non c’è più. Ma prima di morire confesso’ che la loro opera aveva prodotto un’Italia peggiore.
D’Ambrosio disse, qualche anno dopo, che non c’erano prove di arricchimento personale di Bettino Craxi. Anzi. Era chiaro che si trattava di politica. Di finanziamento della politica.
Perché la feroce persecuzione allora? Per politica. Per fini politici. Chiaro.
Di Di Pietro cosa dire. Non voglio parlare di appartamenti, soldi nelle scatole delle scarpe, Mercedes. Stiamo più alti per favore.
Ecco Mani pulite.
Ecco gli eroi degli italiani.
Ecco coloro per i quali mezza Alleanza Nazionale andava ad applaudire sotto i balconi.
Ecco coloro per i quali, quelli del PDS- Pd, hanno dimenticato garanzie, civiltà e sinistra.
Ecco coloro per i quali, post fascisti e post comunisti insieme, lanciavano monetine al Raphael.
Ecco coloro che hanno seminato gramigna cattiva che ha infestato il Paese per 30 anni.
Ecco coloro che i conduttori televisivi star, dai Santoro ai Formigli, ai Floris, eccetera, hanno santificato, contribuendo alla distruzione del Parlamento, dei partiti, della politica e dei sentimenti democratici più profondi.
Non si stanno arrestando fra di loro, come diceva Craxi.
Quasi.
Sergio Pizzolante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *