Regione. Rimossa la tortora dalle specie cacciabili. Duro attacco del consigliere regionale della Lega Pompignoli. “A farne le spese sono sempre e solo i cacciatori”

Tortora; la regione Emilia-Romagna la rimuove dalle specie cacciabili. Duro attacco del consigliere regionale della Lega Pompignoli. “A farne le spese sono sempre e solo i cacciatori”

Forlì-Cesena, 27 agosto. “Con una delibera d’urgenza, a pochi giorni dalla preapertura e su pressante indicazione del Ministero e di Ispra, la regione Emilia-Romagna ha deciso di escludere dalle specie cacciabili del calendario venatorio la tortora selvatica, facendo l’ennesimo sgarbo alla categoria dei cacciatori.”
“E’ vergognoso” – accusa il consigliere regionale della Lega, Massimiliano Pompignoli – “sarebbe molto più onesto, da parte di chi ha assunto questa decisione e di chi non sa fare altro che notificare avvertimenti, ammettere che difendere i cacciatori è politicamente scomodo, che è molto più facile e popolare prestare il fianco ai trucchetti delle associazioni animaliste, sempre più abili a sfruttare per i propri scopi le maglie della giustizia amministrativa e che è molto più semplice porre dei divieti (l’ennesimo), piuttosto che utilizzare il buon senso e ragionare in termini di equilibri. La verità e che si poteva ricercare un compromesso tenuto conto, tra le altre cose, della mancanza di un piano nazionale di gestione della specie, da adottare in sede di conferenza Stato- Regioni, e dello sforzo già effettuato dalla nostra regione in termini di prelievo. L’Emilia-Romagna, infatti, con riferimento alla tortora selvatica e sempre su indicazione di Ispra, aveva già provveduto a ridurre il carniere giornaliero da 15 a 5 capi, confermando la forma esclusiva dell’appostamento. Insomma” – conclude Pompignoli – “si potevano combattere i pregiudizi e, per una volta, stare dalla parte di chi esercita la caccia per passione e tradizione contribuendo, con la propria attività, al mantenimento degli equilibri della fauna selvatica.”

Ufficio Stampa Lega Romagna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *