Salvati dopo un viaggio in camion frigo, 1 positivo a Covid

(ANSA) – BOLOGNA, 21 SET – Semiassiderati, malati di scabbia
e uno anche positivo al Covid-19. Sono le condizioni in cui sono
stati trovati dai carabinieri sei profughi afghani, uno dei
quali minorenne, dopo un lungo viaggio nascosti nella cella
frigorifera di un tir proveniente dal porto di Salonicco, in
Grecia, e sbarcato ad Ancona.
    I militari sono intervenuti in un’area di servizio sugli
Stradelli Guelfi, a Castel San Pietro, su richiesta
dell’autotrasportatore che aveva sentito grida provenire dal
mezzo. L’uomo, un 62enne serbo che lavora per una ditta
ungherese e trasportava formaggio Feta, si è spaventato e ha
aspettato l’arrivo dei Carabinieri per aprire il portellone del
camion. I sei migranti erano in stato di choc e si erano messi a
urlare per chiedere aiuto, a causa del freddo e della sete.
    Soccorsi dal 118, sono stati portati all’ospedale di Imola per
le prime cure. Dopo alcuni accertamenti, con l’interessamento
del personale dell’Ausl di Imola e della Prefettura di Bologna,
cinque di loro (tra i quali il minore) sono stati trasferiti al
Cie di Bologna, mentre il sesto, risultato positivo al Covid-19,
è stato sottoposto a sorveglianza sanitaria, con isolamento
fiduciario in un albergo. Secondo quanto è stato ricostruito, il
gruppo aveva lasciato l’Afghanistan quasi un anno fa per
intraprendere il viaggio verso l’Europa. Sulla vicenda hanno
avviato indagini i Carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile
di Imola. L’autista del tir, secondo gli stessi investigatori,
era all’oscuro di tutto. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte