Santelli: in migliaia a camera ardente per ultimo saluto

(ANSA) – CATANZARO, 17 OTT – Migliaia di cittadini, autorità
politiche, civili e militari, centinaia di sindaci con le fasce
tricolori, organizzazioni di categoria hanno dato l’ultimo
saluto a Jole Santelli, alla camera ardente allestita nella
piazza San Francesco di Paola della Cittadella regionale.
    Accanto al feretro i parenti e gli amici della governatrice,
mentre migliaia di persone – nel rispetto delle norme anti-Covid
– hanno sfilato davanti al feretro per l’ultimo saluto. Presenti
anche centinaia di sindaci in fascia tricolore, che – con il
coordinamento dell’Anci – hanno dato vita a un lungo corteo.
    Sulla piazza i gonfaloni del Consiglio regionale della Calabria,
delle cinque Province, della Città metropolitana di Reggio
Calabria e della Regione Campania. Tra gli altri hanno portato
il loro saluto anche gli ex presidenti della Regione Mario
Oliverio, Agazio Loiero, Giuseppe Chiaravalloti e Guido Rhodio,
il sottosegretario di Stato Anna Laura Orrico, i prefetti, i
parlamentari, i presidenti delle Province della Calabria e il
governatore della Puglia Michele Emiliano.
    La camera ardente è stata chiusa dalla parole del presidente
della Cec e arcivescovo di Catanzaro-Squillace, mons. Vincenzo
Bertolone, che ha benedetto la salma del presidente Santelli.
    “Jole – ha detto il presule – è stata strappata precocemente a
questa vita da una malattia che non perdona, ma di fronte a
questa morte inaspettata ci sentiamo ancora più uniti. La
Calabria, in questi giorni commossa e in lacrime, trovi la forza
di unirsi per apporre un argine a chi vuole farne una terra di
facili conquiste e di divisioni. Jole ha scelto prima la
Calabria, prima i calabresi, poi la salute”.
    Alle ore 13.50, il feretro di Jole Santelli ha lasciato la
Cittadella per raggiungere Cosenza. Dopo la cremazione del
corpo, la governatrice riposerà accanto ai genitori nella
cappella di famiglia nel cimitero di Malito, in provincia di
Cosenza. (ANSA).
   


Fonte originale: Leggi ora la fonte