Tpl; risorse immediate ai Comuni montani penalizzati dal meccanismo di riparto dei contributi consortili. L’appello del consigliere Pompignoli “rifinanziare subito il fondo di solidarietà”

 

Cesena, 11 novembre. “O si modifica il metodo di riparto dei contributi consortili di Amr, oppure si garantiscono risorse continuative e sufficienti a favore dei Comuni montani per la copertura dei servizi del trasporto pubblico locale”.
Il consigliere regionale e Presidente della Commissione bilancio Massimiliano Pompignoli torna sul problema dei costi del trasporto pubblico locale nelle aree interne e montane del comprensorio romagnolo e parla di una “situazione schizofrenica dove i Comuni più isolati tendono a pagare di più dei grandi centri urbani. La natura e l’aumento dei contributi consortili ha determinato difficoltà evidenti negli equilibri di bilancio e serie problematiche dal punto di vista della sostenibilità dei costi del Tpl che, per queste aree, rappresenta un servizio essenziale e strategico contro il fenomeno dello spopolamento e la minaccia della marginalizzazione. Se non vogliamo che questi piccoli centri muoiano lentamente, dobbiamo pensare a meccanismi di perequazione che possano alleviare una volta per tutte gli effetti innescati da un metodo di riparto iniquo e destabilizzante.”. Il consigliere Pompignoli chiedi quindi alla Regione di “rifinanziare per l’anno corrente il fondo di sostegno per il trasporto pubblico locale istituito a favore delle aree marginali e montane nella manovra di assestamento del luglio 2018 (dell’importo di 550mila €) tenuto conto delle specificità dei territori, dei metodi di riparto delle agenzie di mobilità e dell’urgenza di stanziare risorse adeguate e sufficienti per favorire l’integrazione e la sostenibilità economica dei piccoli comuni montani.”

Ufficio Stampa Lega Romagna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *